Gestore 1522: Il Telefono Rosa

G

Nel Febbraio 1988 nasce il Telefono Rosa come strumento temporaneo, per realizzare una ricerca volta a far emergere, attraverso la voce diretta delle donne, la violenza sommersa. In una minuscola stanza, tre volontarie, con il semplice ausilio di un quaderno e di una penna, si alternano nell’ascolto di innumerevoli donne che chiamano da tutta Italia. E’ un ascolto attento e solidale che qualifica il Telefono Rosa, fin dal suo nascere, come una nuova forma di servizio sociale, gestito da esperte della materia e da professioniste del settore.
La violenza di genere è enormemente diffusa a vari livelli e in qualsiasi ambito sociale. Nasce spesso proprio all’interno di quegli istituti comunemente ritenuti rassicuranti come la famiglia, la scuola e il luogo di lavoro. Telefono Rosa è un servizio a disposizione di tutti coloro che vogliono spezzare la catena del silenzio e ha come missione supportare le vittime con consulenza legale, psicologica ed economica.
Dal 2006 il “Telefono Rosa – Onlus” ha personalità giuridica.
Il Telefono Rosa Nazionale ha sede a Roma e vi collaborano, ad oggi, 72 volontarie, di cui 14 avvocate penaliste e civiliste, 12 psicologhe, 4 mediatrici culturali di diversa nazionalità. Le consulenze sono gratuite e le donne vengono accolte nella sede dell’associazione.
Il Telefono Rosa gestisce da diversi anni due case rifugio, nelle quali può garantire soccorso e sostegno a nuclei familiari composti da donne con i loro figli.
Dal dicembre 2012 l’Associazione gestisce il Numero di Pubblica Utilità “1522.
L’Associazione Nazionale Volontarie del Telefono Rosa onlus è anche una rete di associazioni territoriali autonome e con propria personalità giuridica.
Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito ufficiale www.telefonorosa.it.

Accesso area riservata CAV
Accedi all'area riservata
al tuo centro
Password dimenticata?
Richiedi la registrazione
per il tuo centro